Lettera Settimanale 2017.01.30

Durante l’ultima settimana di contrattazione l’indice americano ha macinato nuovi record raggiungendo e superando la soglia psicologica dei 20’000 mercoledì 25 gennaio, chiudendo a 20’069 punti.

Gli altri indici del mercato azionario americano (S & P 500 e Nasdaq) hanno  chiuso anch’essi a livelli record sempre mercoledì scorso. Le prospettive di crescita economica migliorate, i buoni risultati trimestrali delle società, combinati con il miglioramento del “sentiment” degli investitori, hanno spinto al rialzo tutti i mercati internazionali. In controtendenza rispetto all’entusiasmo dei mercati, la crescita reale del PIL ha rallentato nel 4 ° trimestre ad un tasso annualizzato del 1,9% per cento (consenso del 2,2%). Dopo aver fornito un considerevole impulso alla crescita economica nel 3 ° trimestre, le esportazioni nette hanno esercitato un trascinamento significativo sulla crescita nel 4 ° trimestre. Gli investimenti fissi aziendali hanno continuato il loro graduale recupero, mentre la crescita del PIL reale è stata solo del 1,6% per l’intero 2016, il ritmo annuo più lento da quando ha iniziato il recupero congiunturale dalla crisi del 2008.
L’economia britannica invece non ha mostrato segni di rallentamento alla fine del 2016, con un insieme delle cifre sulla crescita per il quarto trimestre migliori del previsto. Il tasso annuo è uscito  sopra le aspettative, crescendo del 2,2%, rispetto al consenso del 2,1%. Tuttavia, la crescita globale ha rallentato leggermente al 2,0% nel 2016, dal 2,2% del 2015 e dal 3,1% del 2014.

Link

si legga l’allegato

 

2018-06-18T16:11:30+02:0031/01/2017|Gestioni patrimoniali|